www.eventinews24.com :Aggregatore di News Spettacoli,eventi,proloco e se vuoi mandare i tuoi comunicati che ti inseriremo gratis scrivi a iaphet@hotmail.com
Diventa nostro Follower su Twitter!
Adintend
 
  Condividi le nostre emozioni  
Condividi Follow EventiSpeciali on Twitter    
Link Sponsorizzati
  Italia Concerti  
  Tickets Italia  
  Tickets World  
Link Sponsorizzati
Acquista i tuoi biglietti qui!
T1_Generic_300x250
Stradivariusconcerti.com Ŕ aperta a una qualsiasi forma di collaborazione nella vendita di biglietti per qualsiasi Evento,Mostre...
Per richieste scrivete a info@stradivariusconcerti,com
Siamo anche sui Principali Social Networks!
01/ago/2011 , ore 22:00 Placido Domingo Jardins Castell de Peralda, Peralda  Tickets
Thanks to www.biografieonline.it PlacidoDomingo  
Nato il 21 gennaio 1940, figlio di cantanti, recita e canta (da autodidatta) nella compagnia dei genitori. Dopo aver studiato pianoforte, direzione d'orchestra e composizione in Messico, fra il 1956 e il 1959 canta e dirige "zarzuelas" (ossia il tipico genere di teatro spagnolo, in parte cantato e in parte parlato, in questo affine al Singspiel tedesco e all'opera comica francese, caratterizzato da melodie spontanee e argomenti buffi o divertenti), e operette, interpretando sia ruoli di tenore che di baritono (ad esempio Danilo e Coutanšon nella "Vedova allegra").

Il vero e proprio esordio operistico avvenne a Monterrey come Alfredo in "La traviata " e a Dallas nel 1961 con "Lucia di Lammermoor" di Gaetano Donizetti, imponendosi in breve come uno dei migliori tenori lirici del suo tempo. In seguito, pass˛ due anni all'opera nazionale di Israele, dove ha avuto modo di interpretare dodici ruoli differenti in pi¨ di 280 esecuzioni operistiche. Mano a mano che la sua carriera prendeva una sostanza sempre pi¨ importante, si delineava di conseguenza anche il suo repertorio, uno dei pi¨ vasti ed eclettici che si siano potuti constatare nell'intero arco del Novecento, comprendente nel suo nucleo fondamentale, tutti gli imprescindibili capolavori ottocenteschi siano essi francesi, italiani e tedeschi. L'ampio ventaglio degli approcci linguistici che ci˛ comporta non ha spaventato pi¨ di tanto il grande tenore, dotato invero di una pronuncia e di una conoscenza della lingua, in tutti gli idiomi sopra elencati, non meno che impressionante (e basterebbe sentirlo cantare Gounod, Wagner o Rossini per rendersene conto).

Placido Domingo, infatti, Ŕ senz'altro uno dei rappresentanti pi¨ colti e consapevoli della stirpe tenorile, grazie alla sua vasta preparazione (non solo musicale) e della sua fenomenale capacitÓ di apprendimento fenomenale (a sentirlo parlare italiano, tanto per fare un esempio, si rimane stupiti che sia di un'altra nazione). Egli ha sempre operato scelte oculate e di alto livello, anche quando si Ŕ trattato di scendere su terreni pi¨ propriamente "popolari". Accanto alle celebri esibizioni con i "Tre Tenori" (gli altri due sono JosŔ Carreras e Luciano Pavarotti), in cui viene proposto un repertorio di accattivante e di facile presa, non bisogna dimenticare che il tenore spagnolo Ŕ anche un grande interprete di Wagner (“Lohengrin” a Vienna e Amburgo, “Parsifal” al MET di New York), di cui ha inciso, fra l'altro, una pregevole edizione del "Tannhauser" sotto al direzione del compianto Giuseppe Sinopoli.

Nel 1959, a CittÓ del Messico, canta Alfredo (“Traviata”) e Cavaradossi, (“Tosca”) nel 1961.Quindi, si accosta ai ruoli di Rodolfo (“BohŔme”), Edgardo (“Lucia di Lammermoor”). A Tel Aviv (fra il dicembre 1962 e il giugno 1965) interpreta, spesso in ebraico, ruoli diversissimi tra loro: da Sansone (Saint-SaŰns) a Nadir (“Pescatori di perle” di Bizet). Al New York City Opera., nel 1965, canta Pinkerton (“Madama Butterfly”) e sempre nello stresso teatro, nel 1966, partecipa alla prima rappresentazione, negli USA di “Don Rodrigo” di Ginastera. Nel 1968, al Met,. debutta in “Adriana Lecouvreur” di Cilea. A Verona nel 1969 interpreta Don Carlo. Nel 1969 alla Scala di Milano, canta in Ernani e alla Scala canterÓ regolarmente.

Ricapitolando le date fondamentali della sua attivitÓ, troviamo che nel 1971 ha cantato al Covent Garden di Londra e poi in tutti i maggiori teatri del mondo. Nel 1974 a Parigi (“Vespri siciliani”), a New York (“RomÚo et Juliette”), a Torino (“Fanciulla del West”). Nel 1975 debutta a Salisburgo (“Don Carlo” con la direzione di Karajan). Quindi, debutta in “Otello” ad Amburgo. ╚ il primo protagonista di due opere a lui dedicate: “El poeta” di Torroba (Madrid, 1980) e “Goya” di Menotti (Washington, 1986).

Voce brunita, musicalitÓ aggueritissima, eccellente attore, egli gode, grazie anche ad un sapiente battage pubblicitario, di una vastissima popolaritÓ. Ha interpretato vari film d'opera (tra cui “Carmen” di Francesco. Rosi e “Traviata” di Franco Zeffirelli). A partire dal '73 ha anche iniziato un'apprezzabile attivitÓ di direttore d'orchestra, mettendo in scena opere come “Attila” di Verdi, i “Pagliacci” (con la regia di Zeffirelli) e “Carmen” (regia di Francesco Rosi).