xxx
   


Link Sponsorizzati***

Cerca nel Sito
Ricerca personalizzata
  Greece Islands  
Link Sponsorizzati
  Grecia  
Kalambaka Kos Lesbos Mani
Greece Islands Mykonos Naxos Paros
Rodi Santorini Atene Ioannina
Cefalonia Corfu Creta Ios
Kalamata Kamari    
Link Sponsorizzati
Thanks to   http://www.facebook.com/Costasur
Guia de viajes -
http://www.costasur.com/ 
Creta, Grecia, Europa

Creta es una de las regiones griegas donde la mitología ha dejado una profunda huella en su historia. Creta tiene 600,000 habitantes y es la Isla más extensa del todo el Mar Egeo. Estamos ante un lugar mítico, lleno de leyenda, pero también estamos ante un destino turístico preferencial de Grecia, con unas costas maravillosas para la práctica de actividades como el submarinismo.

Minos, su hijo el Minotauro y el laberinto de Creta forman parte de la historia de Grecia y de la mitología cretense.

No puede irse de Creta sin visitar el Palacio de Knossos o los Museos de Heraclion o Hania. Creta es además una Isla que cuenta con dos universidades.
Link Sponsorizzati
Thanks to http://www.world66.com/
*********************The content is published under a creative commons licence :
http://creativecommons.org/licenses/by-sa/1.0 / ).
Crete Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
Flowers in Hersonnisos, Crete

Flowers in Hersonnisos, Crete

Anita Fridholm
Crete is home to the oldest civilization of Europe. The Minoan civilization predates that of the rest of Europe by a good few hunderd years. The temples and palaces they built were the basis of many myths and are still one of the most impressive archeological sites.
Iraklion, the capital of the island, will probably be your point of entry. It is connected to many European capitals by direct flights and boats leave to Athens and Santorini on a regular basis.

Sights you will have on your to do list include Hania the second town of the island, the Knossos a visit to some of the Venetian castles ( Imeri Gramvousa, Frangocastello e.g.), the Lassithi plateau, and the town of Agios sostis/lithakia with its great beaches nearby.

West of Hania the town of Kissamos is also worth a look, situated in the broad bay between the Rodopou and Gramvousa peninsulas, which are both gaunt and rocky and virtually uninhabited. Even further west over the precipitous mountain roads lie the soft inviting sands of Falassarna beach, perfect for romantic sunsets over the sea. The drive southwards along the extreme west edge of the island is another stunning mountain route, often through a landscape dominated by colourful alpine plants growing in a profusion of tufts and cushions on both sides of the road. Goats are everywhere, some domesticated and some wild, and if you are lucky you may see vultures cruising around the mountain tops. A trip such as this could end at the extreme south-west corner of Crete, where a knee-deep wade through clear waters takes you to a sun-bathers paradise at Elafonisi Island.

The least messed up part is the south coast in the western half of the island. There is a marvellous pink beach at the south-western edge, the town of Paleochora must be one of the most relaxing places in the world and you shouldn't miss the Samaria gorge.

Towards the eastern end of Crete is Spinalonga Island, once notorious as Europe's last surviving leper colony. Abandoned since the 1950s when leprosy was finally conquered, its ruined houses are a tourist attraction today. The rigours of daily life in Spinalonga during the first half of the 20th century were memorably described in the book "The Island" by Victoria Hislop.


::::::::Agios Nikolaos Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
The area of Agios Nikolaos covers a long stretch of the north eastern coast and a hinterland that rises to the tremendous rocky ranges of the Dhikti mountains. The actual town of Agios Nikolaos is the administrative capital of the region of Lassithi, and has a population of around 10,000 people. Agios Nikolaos became the first real tourist resort in the early 1970's, on the island, and was known for being a noisy and lively resort. Times have changed, and Agios Nikolaos now enjoys the reputation of being an upmarket destination for many nationalities and its romantic setting and lake area make it a perfect place for couples of all ages. There has been much "beautifying" of the town in the past few years, and a large well equipped marina has been constructed. The marina hosts many national and international sailing competitions and regattas in the summe months and is a popular destination for yachtsmen.

The town takes its name from the small Byzantine church of Saint Nicholas, situated on a small peninsula near the Venetian harbour called Mantraki. The church is a beautiful example of classic Byzantine architecture and was built between the 7th and 9th century, during the Iconoclastic period. Many of the original frescos decorate the interior. The church is open to visitors all year round. The town also houses an archaeological museum, folklore museum, cinema, and many cultural events are held in the summer months.

Legend has it that the Goddess Athena once bathed in the lake Voulismeni, the focal point of the town. Today the lake is ringed by tavernas and cafes, and has many caiques, brightly painted traditional fishing boats, moored around the edges.

In Hellenistic times, the old Venetian harbour (Mantraki) was a flourishing port, for the Dorian city of Lato, 6km to the west of the town. The town thrived during the Roman occupation, and the Venetians later built their fortress at Mirabello inland of the old port to guard the harbour of Porto di San Nicolo.

Agios Nikolaos and the surrounding area has more "Blue Flag" beaches than anywhere in Greece. The clear, crystal water is perfect for snorkeling and swimming and the beaches range from long sandy beaches such as Almyros, to small rocky coves where you can enjoy total solitude.

::::::::::Hania Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
Hania marina

Hania marina

Hania by www.Travel-to-Crete.com
Hania is one of the nicest towns in Crete, with wonderful houses, parks and squares and a well designed town-plan.

The Public Market is an impressive building, in the town center, built at the beginning of the present century (1911) and houses grocery stores, butchers' shops, a fish market and vegetable shops. The Public Gardens, next to the Market, are ideal for those in search of shade and tranquillity. Northeast of the gardens is the beautiful neighborhood of Chalepa where the residences of Prince George and Eleftherios Venizelos were.

The old city has preserved to a great extent the distinctive atmosphere and charm of the Venetian and Turkish periods. Entire Venetian, Turkish and Jewish quarters are saved, with well preserved buildings in the narrow picturesque streets. One of the most significant buildings is the large Venetian church of Aghios Frankiskos which today houses the Archaeological Museum of Hania.

The old city leads at the harbor, where many Venetian and Turkish buildings are preserved. At the entrance of the harbor, at its northerst point, is the renovated fort "Firkas", built on 1629, that today houses the Maritime Museum of Hania as well as a summer theatre, where drama performances are presented. Opposite the Firkas fort, is the magnificent Venetian lighthouse, built on the 16 century and restored by the Egyptians. The harbor is protected by a Venetian breakwater, built of huge stones. At the center of the breakwater are the ruins of a fortress.

West of Hania, at a distance of 4.5 km, is the hill of Profitis Ilias, where the memorial and tomb of Eleftherios Venizelos and his son Sophokles are located. Hania can be the starting point for a tour to the western Crete, a part of the island with magnificent natural beauty. There are lots of places worth seeing , within driving distance (two to three hours) , the most famous being the Samaria Gorge. This is a National Park of Greece that starts at the village of Omalos, at an altitude of 1227 m. and ends after a walk of approximately 18 Km to the beach of Agia Roumeli. The Gorge is open from May to the beginning of October and is definitely a must for everyone.

There are plenty of good sandy beach resorts with affordable accommodation and a range of restaurants for families and sun-worshippers stretching west from Chania for around 15km. Chania airport is well served from many cities of Europe.

::::::::Iraklion Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
i
Iraklion is the biggest city in Crete with a population in excess of 120000. It concentrates most of the economical activity of the island, and is the main port of entry to Crete for the majority of visitors. The Iraklion airport received last year approximately 15% of the total tourist traffic of Greece.

History is very much alive in Iraklion just like in most Greek cities. The central square while surrounded by cafes, stores and restaurants, is dominated by the fountain of the Lions, built by Morozini the venetian governor in 1628. The Town Hall, is today housed in the Venetian Loggia, a building from the same era.

At the end of the central market is a coffee house, housed at the "Koubes" a fountain built by the Turks when they converted the nearby church of the Saviour to the Valide mosque. All around the old part of the city ,a visitor can walk following the old Venetian walls that meet at a bastion, called "Koules", that dominates the old harbour of the city .

The visitor to Iraklion should definitely visit the archaeological site at Knossos and the Archaelogical Museum of Iraklion that houses most of the Minoan findings in Crete. Special attention should also be paid to the Historical museum of Iraklion that houses findings from the early Christian era to today and the Museum of Natural History.

::::::::::Knossos Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
Cnossos Palace

Cnossos Palace

Emanuela Appetiti
The first Minoan palaces were created about 2500 B.C. They show some concentration of power into the hands of a central authority. This concentration led to a sudden political, cultural, economic and religious reorganization of life. Knossos, Festos, Malia, Zakros, Agia Triada and other smaller palaces and villas were created in the same time period. It seems that there was co-operation among the palaces since no signs of competition have been found.

The palaces forced a hierarchical organization of the society with the king at the top of the pyramid. An important role in the maintenance of this hierarchy was played by religion. From the myths that have reached us, we may conclude that the king was presented to the people as a representative of and communicator with the deities. Minos had the reputation of a just king who imposed fair laws given to him by these deities.

The palaces were not only the homes of the king and his family. They have sections devoted to the deities, rooms for ceremonies, for ceramic and seal production and large storage sections for merchandise and agricultural products. The palaces had an organized administration. Many inscriptions which have been found list the offerings of the people. Commerce with Egypt and the East was under the control of the palaces.

The technical innovations that were developed to support the basic needs of the first palaces are simply amazing. The sewage system was very complex and it remained the best in the western world until the Roman era (almost 2,000 years later!). Stone pipes led the water into a central sewage system, with pipes decreasing in size in order to increase water pressure and drive out obstructions. In Knossos, the Minoans channelled drinking water from Mount Youktas, a distance of about 10km, to a water tank in the palace. They used pipes that fitted one within another, perfectly engineered to carry the water through an uneven terrain of hills and valleys. Similar systems existed in the other palaces. The palaces as well as the houses outside the palaces are multilevel; the lower level often did not have windows because it was used as a storage area.

The old palaces were destroyed three times between 1900 and 1700 B. C. The last time they were almost completely levelled by an earthquake and the Minoans found it pointless to try to repair them. All the palaces were rebuilt from the beginning after levelling the remains of the old palaces.

In the old times the sea was visible from the palace (4 Km away). Now it is not visible as the sea is some 12 Km away.

::::::::::Kritsa Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
Argyro Rent Rooms in Kritsa-Crete

Argyro Rent Rooms in Kritsa-Crete

Tzanakis Giorgos
Kritsa is a very picturesque little town at some 12 kilometres SW from Agios Nikolaos. Build amphiteatrically on a large jutting promontory, you will notice this splendid white location from afar.
The town is considered one of the most important centres of Cretan folk and weaving art.

__________Sights
Edit This
Kritsa gorge at 20 min. walk --> N, direction Tapes

Kritsa gorge at 20 min. walk --> N, direction Tapes

HollandTraveler
In Kritsa town you'll find three interesting Byzantine churches: Agios Georgios, Agios Konstantinos and Agios Ioannis.
You will enjoy a leisurely walk in the numerous small allies of the old town.
For a more sporty experience, go to the impressive Krista gorge, 20 min. of walking N in the direction ot Tapes.

The main attraction, however, is Panagia Kera, a small 14th century Byzantine church, probably one of the best preserved of all Crete.

Contributors
May 02, 2005 new by hollandtraveler (1 point)

[Add Sight]
Panagia Kera
Edit This
Panagia Kera Of Kritsa
Panagia Kera Of Kritsa
photo by: Tzanakis Giorgos

One km before you enter Kritsa from Agios Nikolaos, there is the very small, old Byzantine church of "Panagia Kera", a unique location with important Byzantine frescoes of the 14th and 15th century. Not to be missed. Although this small site is not that massively frequented, it's a good idea to go there early in the morning when tourists have not yet arrived.
Opening times are from 9 am to 2 pm. Entry fee: € 4.00
type: Churches and Cathedrals
World66 rating: [rate it]
address: Kritsa (location of "Logari")
openingHours: from 9 am to 2 pm

___________Getting There
Edit This
By bus or car from Agios Nikolaos.
For bus timetables, see fact sheet below


Contributors
May 03, 2005 change by hollandtraveler

[Add Global transport mode]
Bus timetable Agios Nikolaos - Kritsa v.v.
Edit This

Click the url link below, then locate Kritsa's red dot and click it.
Ticket price single: €1,10
type: By Road
World66 rating: [rate it]
url: bus-service-crete-ktel.com
email: post@bus-service-crete-ktel.com

::::::::::::Lassithi plateau Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
Diesel (and electrical) pump units nowadays replace tradtional wind power... 25 meters in the background the old wind-unit is rotting away..

Diesel (and electrical) pump units nowadays replace tradtional wind power... 25 meters in the background the old wind-unit is rotting away..

2005, HollandTraveler

The Lassithi plateau is a large fertile plain in the NW part of Eastern Crete. People have lived here since Neolithic times (6000 B.C.)
Soil fertility of the plateau is due to alluvial run-off, from times immemorial, when melting snow comes down from the surrounding mountains in spring.

Vast and ingenious irrigation works were installed by the Venetian rulers in the early 15th century when they wanted to insure good harvests. During centuries, the plain was irrigated by white-sailed windmills, some 10.000 in all.

Unfortunately (for travellers), in the last decennia of the 20th century, most if not all working windmills have been abandoned for the more efficient diesel and electrical pumps, the few remaining ones being relegated to signposting the many tavernas which line the main road that rings the plateau.

It's astonishing, however, how many travel agencies still publish outdated pictures of the Lassithi plateau, crammed with white sails... don't believe them... those days are gone forever!

___________Sights
Edit This
Looking from the bottom of the Cave

Looking from the bottom of the Cave

Family Wollesen 2004
Nearly all places worth seeing can easily be visited from the one and only main road which runs around the plateau.

The most frequented spot is Psychro.

Contributors
May 02, 2005 new by hollandtraveler

[Add Sight]
Psychro (the Diktaean cave)
Edit This
Looking from the bottom of the Cave
Looking from the bottom of the Cave
photo by: Family Wollesen 2004

The Diktaean cave
Some 200 meters uphill west of Psychro town is the Diktaean Cave. This Minoan cult cave, in 1880, has been identified by many archaeologists as the famed Diktaean Cave of Greek mythology, the place where Zeus was born - comparable to the Cave of Bethlehem of Christian antiquity.
It's also one of the most beautiful and impressive of the 3.400 caves in Crete.

Good taverna for lunch
There are several tavernas at/near the parking lot, but especially when tourist busses have arrived, you might choose for a more more..
type: Catacombs
World66 rating: [rate it]
address: 200 meters uphill W of Psychro town
openingHours: 8 am to 4.45 pm (at the entry !!... so start the last 100 steap upgoing meters at 4.30 pm latest !!!)
tel: Taverna Platanos (0030) 2844031668

:::::::::::Paleochora Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
photo
A beautiful, smaller town in the extreme south-west corner of Crete, Paleochora is a great get-away from some of the larger Cretan cities like Heraklion.

Because it's locked up on a penninsula, it feels like a very small place. There isn't too much space for growth either, because of the mountains. On either side of town, there is a beach: one sandy on the west side, one rocky.

It's a great place to relax. But you can also take a boat to the end point of the Samaria gorge, which is one of the greatest walks in Europe. Paleochora is the ideal town to stay in for anyone hoping to walk the Samaria gorge (14km but not too difficult). The boat trip between town and the end of the gorge alone is worth the money: the coast is completely unspoiled. You might get jealous at people with their own boat though, because they can just stop at any deserted beach they see. This is also a coastline rich in schools of dolphin. Dolphin-spotting trips can easily be arranged in Paleochora harbour.

The main streets are blocked to traffic in the evenings and the resteraunts and tavernas set up tables in the road. There are 2 easy-to-find ATMs. Evening activities include the obligatory Volta around the village, several small disco bars, a large and very active open air night club about 1 kilometer out of town and an open air cinema - which allegedly shows Zorba the Greek once a week!

The roads linking Paleochora to the north coast of Crete and Chania through rocky ravines and olive groves are unforgettably dramatic and beautiful.

:::::::::Rethimno Travel Guide
Edit This The best resource for sights, hotels, restaurants, bars, what to do and see
Rhetymno-Rimondi Fountain

Rhetymno-Rimondi Fountain

Emanuela Appetiti
Rethymno, also Rethimno, a city of approximately 40,000 people, is the capital of Rethymno Prefecture in the island of Crete, Greece.
Grazie a www.imondonauti.it 
Itinerario 1


Creta Orientale

Testo e foto di Flavia Daneo

Punto di partenza e arrivo:


Iraklion

Lunghezza:


ca. 590 km

Durata:


7 gg.

Mezzo di trasporto:


bus locali; auto o moto a noleggi

Difficoltà:


nessuna

Prezzo:


€ 300-350 circa

Primo giorno:

Iraklion - Knossos - Arhanes - Iraklion (40 km circa)

Iraklion, capoluogo di Creta, non è tra le città più caratteristiche dell'isola; una sosta si rende pur tuttavia necessaria sia perchè il suo Museo Archeologico è imperdibile sia perchè la città è un'ottima base per partire alla scoperta del sito minoico di Knossos e dintorni. Si consiglia pertanto di dedicare la mattinata alla visita del Museo Archeologico che espone gli eccezionali reperti della civiltà minoica (2000-1400 a.C.) provenienti dagli scavi effettuati in tutta Creta.

Nel pomeriggio ci si può recare a Knossos (orario 9-19, ingresso 6 euro), che dista solo 6 km da Iraklion, prendendo uno dei numerosissimi autobus che collegano le due località. A Knossos, fiorente centro del potere minoico, regnava il mitico re Minosse e il suo palazzo era il famoso labirinto nel quale si introdusse Teseo per uccidere il Minotauro con l'aiuto del filo di Arianna. Molte sono le perplessità che suscitano le ricostruzioni effettuate da sir Evans, l'archeologo che effettuò gli scavi; ciononostante la visita della sala del trono, del megaron della regina, della grande scalinata permettono di farsi un'idea di quella che doveva essere la vita degli antichi abitanti di Creta e il fasto della corte reale.

Se si è raggiunto Knossos in auto, si può proseguire per il villaggio di Arhanes (+ 10 km) con un ben conservato palazzo minoico e la villa minoica di Vathypetro (+ 4 km) che sorge isolata in mezzo ai campi. Si torna poi ad Iraklion dove si pernotta. Tra i vari hotel di Hiraklion, per la loro centralità (a due passi dal porto e dal Museo Archeologico) consigliamo l'Hotel Irini (Idomeneos 4, tel. 0812-29703*, 0812-26561*, 55 euro la camera doppia, colazione compresa; l'Hotel Daedalos (Daedalou odos 15, tel. 0812-44812*, 50 euro con colazione, 38 euro senza, e gli Hotel Lato e Ilaria, entrambi in odos Epimenidou, balconi con vista sul porto).

Secondo giorno:

Iraklion - altopiano di Lasithi - Agios Nikolaos (115 km circa)

In mattinata è possibile proseguire con la visita di Iraklion: la Loggia veneziana, la chiesa di Aghios Tito dove si conserva una veneratissima reliquia di S. Tito, patrono di Creta, la fontana Morosini e la fontana Bembo, il porto e il Forte veneziano. Uscendo dalla città in direzione dell'areoporto, si imbocca la strada che porta all' altopiano di Lasithi, la cosiddetta "valle dei mulini a vento" perchè un tempo circa 10.000 mulini a vento assicuravano l'approvvigionamento dell'acqua. Non so se ci siano mesi durante i quali questi mulini entrino effettivamente in funzione: noi abbiamo visto solo tralicci arrugginiti dai quali pendevano, malconci, pezzi di stoffa bianca... I mulini in funzione si contavano sulle dita di una mano e quindi, la visita è risultata piuttosto deludente anche se, in sè, l'altopiano, verde e coltivato in tanti appezzamenti, è piacevole.

La strada che corre lungo l'altopiano tocca numerosi villaggi. Si fa tappa a quello di Psihrò; dal parcheggio, salendo per una decina di minuti a piedi lungo un sassoso sentiero, si raggiunge il Dikteo Antron (orario 9-19, ingresso 4 euro) ossia la caverna ricca di stalattiti e stalagmiti dove, secondo la leggenda, Rea diede alla luce e nascose Zeus affinchè non fosse divorato dal padre Crono.

Se si desidera pernottare sull'altopiano di può optare per qualche domatia oppure per l'Hotel Rea, ad Aghios Georgios; in alternativa si può proseguire per Aghios Nikolaos e fermarsi all'Hotel Astoria (tel. 0841-25148*, 0841-25514*, a partire da 23 euro la camera doppia, senza colazione ma con la possibilità di smaltire la stanchezza con una nuotata in piscina). Prezzi simili al Victoria Hotel (tel. 0841-22731*, 0841-22266* e alla centrale Pension Mylos (tel. 0841-23783*). Numerosi i locali dove mangiare; lungo il porto noi ci siamo trovati bene al Trata Restaurant: un pasto completo costa sui 10-12 euro e il personale è gentile e disponibile.

Terzo giorno:

Agios Nikolaos - Kritsa - Krustas - Sitia - Paleokastro (100 km circa)
La chiesetta bizantina della Panagia Kerà a Kritsa
La chiesetta bizantina della Panagia Kerà a Kritsa

Aghios Nikolaos, sul Golfo di Mirabello, è una moderna località turistica dove è piacevole passeggiare lungo le sponde del lago di Voulismeni collegato al porto da un canale scavato nel 1870: qui si raggruppano caffè, ristoranti e negozi di souvenirs. Se si vuole si può visitare il piccolo Museo Archeologico che raccoglie gli oggetti scoperti di recente in vari siti archeologici della regione.

In uscita dalla città, raggiunto un incrocio si devia brevemente in direzione Kritsa (11 km) dove, nella chiesa bizantina della Panagia Kerà sono conservati gli affreschi più belli di Creta (XIII-XIV sec.). A sud-ovest della Panagia Kerà si trova il villaggio di Krustas (+ 4 km) , famoso per i suoi tessuti artigianali e per quattro chiese bizantine ornate da affreschi del XIV sec.

Ripercorrendo la strada al contrario si torna all'incrocio che immette in direzione di Sitia, gradevolissimo paese dove è piacevole passeggiare lungo il lungomare. E' possibile pernotatre a Sitia oppure proseguire per Paleokastro e le sue belle spiagge (Marina Village, tel. 0843-61284*).

Quarto giorno:

Paleokastro - Kato Zakros - Vai - Moni Toplou - Sitia - Ierapetra (150 km circa)

Da Paleokastro si prosegue in direzione sud giungendo al sito archeologico di Kato Zakros dove sorgeva un grande palazzo di epoca minoica. Bisogna avere abbastanza immaginazione per ricrearsi un'idea di quello che doveva esserci qui 3500 anni fa, ma il luogo è assai gradevole e suggestivo. Si torna a Paleokastro e, dopo 6 km, si giunge alla meravigliosa spiaggia con annesso palemeto (l'unico in Europa) di Vai.

Di ritorno verso Sitia ci può fare tappa al Monastero di Toplou, una specie di fortezza che conserva la Megas ei Kirie, un'icona-capolavoro. Da Sitia a Ierapetra dove è possibile pernottare (sul lungomare l'Hotel El Greco chiede 33-40 euro per la camera doppia ma ci è sembrato piuttosto squallido. Piacevolissime e curate nei minimi particolari sono invece le camere dell'Hotel Cretan Villa (Oplarhigu Lakerda 16, tel. 0842-28522*, 0842-28824*, camere doppie 32-38 euro). Per mangiare, a due passi dal porto, la taverna Castello (odos Samoil 30) propone specialità greche a 10 euro per una cena completa. Squisite le verdure quant'altro proposto dal simpaticissimo proprietario Dimokritos.

Quinto giorno:

Ierapetra - isola di Chrissi - Ierapetra
Isola di Chrissi o qualche paradiso tropicale?
Isola di Chrissi o qualche paradiso tropicale?

Imperdibile l'escursione all'isola di Chrissi situata in pieno Mar Libico. Si parte la mattina alle 10.30 dal porto di Ierapetra dopo aver acquistato i relativi biglietti (12-15 euro a persona a/r. Obbligatorio contrattare!) e si ritorna alle 17 quando la barca torna a prendere i bagnanti. Nell'isola non ci sono alberghi e non si può campeggiare (anche se c'è chi, dotato di sacco a pelo, riesce ad imboscarsi); c'è un'unica taverna piuttosto cara per cui conviene partire dotati di acqua e qualcosa da mangiare durante il giorno. Per il resto, appena sbarcati imboccate il sentiero che, attraverso un boschetto di cedri, vi porterà in una decina di minuti alla parte opposta dell'isola e vi renderete subito conto di essere in ...paradiso. La spiaggia e il mare che avrete davanti agli occhi sono tra i più belli di tutta Creta, un vero sogno ad occhi aperti!

Sesto giorno:

Ierapetra - Gortys - Festos - Aghia Triada - Matala (km 133 circa)

Da Ierapetra si prosegue verso ovest in direzione Aghii Deka, paese costruito sullo stadion della città romana di Gortina (Gortys; orario 9-19), le cui rovine sono letteralmente sparse tra gli uliveti. Tra i monumenti di maggior importanza si possono visitare i resti della basilica di Aghios Titos e l'Odeon dove sono conservate le famose tavole delle Leggi di Gortina.

Si prosegue per Festos (+17 km), il secondo in ordine di importanza dei Palazzi minoici dopo quello di Knossos. Il palazzo è situato in splendida posizione su una balconata a metà pendio di una collina ed è più suggestivo di quello di Knossos anche perchè nulla è stato concesso all'apparato scenografico ad uso turistico e gli scavi sono stati condotti con grande rigore scientifico. Qui è stato trovato il famoso disco di Festo conservato al Museo Archeologico di Hiraklion.

Percorsi altri 3 km (tornare indietro fino alla chiesa di Aghios Ghiorghios e svoltare a sin.) si giunge alla lussuosa villa micenea di Aghia Triada. Percorsi altri 10 km circa si giunge a Matala, famosa negli anni '60 per aver dato rifugio a numerose comunità di hippies che qui venivano a svernare. Nei dintorni della bella spiaggia vi sono numerosissime domatia nelle quali si può pernottare con circa 30 euro per la camera doppia.

Settimo giorno:

Matala - Hiraklion (km 50 circa)

Dopo un doveroso bagno sulla bella spiaggia di Matala sovrastata da scogliere di arenaria punteggiate da numerose grotte (necropoli romana) si fa ritorno a Hiraklion.

Se si ha un'altra settimana a disposizione, da Matala si può proseguire collegandosi all'Itinerario: Creta occidentale.

Alcuni indirizzi utili...

( * ) N.B. Per telefonare a questi numeri dall'Italia digitare:
0030 + 2 + prefisso senza lo zero + 0 + numero di telefono
per cui se il numero a Creta è 0842-28522, per chiamare dall'Italia bisognerà comporre:
0030 2 842 0 28522

::::::::Creta

Itinerario 2


Creta Occidentale

Testo e foto di Flavia Daneo

Punto di partenza:


Matala

Punto di arrivo:


Elafonissi

Lunghezza:


ca. 500 km

Durata:


7 gg.

Mezzo di trasporto:


auto o moto a noleggio

Difficoltà:


nessuna; impegnativo il trekking alle gole di Samaria

Prezzo:


€ 300-350 circa

Primo giorno:

Matala - Moni Aghios Nikolaos - Moni Vrondissi - Moni Valsamonero - Rethimnon (100 km circa)

Da Matala si ritorna alla S 97 proseguendo poi verso nord via Ano Zaros. A una trentina di km da Matala, si imbocca una stradina sterrata (2 km circa) dove indicazioni scritte a mano indirizzano al piccolo Monastero di Aghios Nikolaos. Una monaca accoglie i rari turisti illustrando la piccola chiesa dedicata a S. Nicola mentre un monaco offre, in segno di ospitalità, pomodori freschi e un bicchierino di raki. Ci si reimmette nella strada principale e si prosegue per altri 4 km: si giunge così dapprima a Moni Vrondissi, gioiello di arte bizantina, e poi a Moni Valsamonero (+3 km di strada sterrata) in splendida posizione con vista sul monte Ida e arricchito di eccellenti affreschi.

Percorrendo altri 66 km di strada panoramica si arriva infine a Rethimnon, splendida cittadina che conserva nel suo tessuto urbano numerose tracce delle passate dominazioni veneziana e turca. Perdersi nelle stradine della città vecchia traboccanti di taverne, negozietti, colori e profumi, visitare il porto e la fortezza veneziana sono veri piaceri da assaporare lentamente. Per mangiare c'è una scelta vastissima di ristoranti, taverne e ouzeri (il miglior ristorante di pesce è il Cavo d'Oro, sul porto); per dormire, sempre restando nella pittoresca città vecchia, si trovano domatia a 25-30 euro con uso cucina; l'Hotel Vecchio (4 odos Daliani, tel. 0831-054985*) offre doppie a partire da 50 euro con colazione e piscina, leggermente più caro il lussuoso Hotel Fortezza (tel. 0831-566634*; doppie a partire da 56 euro).

Secondo giorno:

Rethimnon - Moni Arkadi - Rethimnon (46 km)

Si prosegue con la visita di Rethimnon che si può completare con quella a Moni Arkadi, uno dei numerosi monasteri veneziani, roccaforte della resistenza cretese durante la dominazione turca.

Terzo giorno:

Rethimnon - Chanià (62 km circa)
Cielo blu e sabbia bianca ad Elafonissi

Cielo blu e sabbia bianca ad Elafonissi

La nuova strada che collega Rethimnon a Chanià è una strada a scorrimento veloce che corre lungo la costa cretese settentrionale. Costeggiata da macchie di oleandri in fiore consente un viaggio veloce e confortevole. Chania è una cittadina piacevolissima, ricca di atmosfera e di particolari sui quali soffermarsi un po' più a lungo di quanto consententirebbe una visita veloce. Per limitarci alle cose più importanti da vedere ricordiamo la Fortezza veneziana (Firkas), il porto, la moschea dei Giannizzeri e l'Arsenale veneziano del XIV sec., il Museo Archeologico e quello Etnografico.

Per pernottare consigliamo di optare per una delle numerosissime domatia in affitto situate nel quartiere di Topchanas, dove sono stati e si stanno restaurando in maniera intelligente e gradevolissima gli antichi edifici di impronta veneziana. Vicino alla Cattedrale, nel centro della città vecchia, camere in affitto anche alla Pension Bassia (Betolo 51, 30 euro la doppia). Come a Rethimnon anche qui taverne e ristoranti sono numerosissimi; evitate quelli più turistici lungo il porto e addentratevi nelle strette stradine. Piacevole è il Semiramis (odos Skoufon) dove si mangia sotto pergolati di boungavillea al suono di musiche greche dal vivo.

Quarto giorno:

Chania - Gole di Samaria - Chania (42 km in pullman in andata+18 km a piedi+67 km di pullman al ritorno)

Chania è un ottimo punto di partenza per l'escursione alle Gole di Samaria che, con i loro 18 km, sono le gole più lunghe d'Europa. Molte agenzie offrono l'escursione che si può realizzare anche autonomamente facendo uso dei mezzi pubblici. (Attenzione: non è conveniente utilizzare l'auto a noleggio in quanto la si dovrebbe lasciare ad Omalos senza possibilità di tornare a prenderla se non ripercorrendo in salita le Gole!). Si parte dunque dalla stazione degli autobus di Chanià (KTEL, odos Kydonias) prendendo l'autobus diretto a Omalos/Gole di Samaria (il biglietto di a/r costa 11 euro). Conviene partire la mattina presto con il bus delle 6.15 o con quello delle 7.30 in quanto ciò consente, dopo circa 1 ora di viaggio, di arrivare all'imbocco delle Gole (Xiloscalo) con il fresco e di percorrere le 5.30-7 ore di cammino necessarie con una certa calma. Il sentiero che dal punto più alto delle Gole (1000 m) permette di raggiungere il mare nei pressi della località di Aghios Roumeli è sempre in discesa ma molto spesso esposto ai cocenti raggi solari.

Il trekking richiede una certa resistenza fisica e un equipaggiamento di base composto da scarponcini da trekking (le scarpe da ginnastica non sono le più indicate su terreno sassoso), borraccia d'acqua (anche se ci sono alcune fonti durante il cammino), cibo (nessun posto di ristoro), crema solare protettiva, cappello. Il biglietto d'entrata alle Gole costa 6 euro e dovete conservarlo perchè vi verrà richiesto all'uscita. Il percorso lungo le Gole è estremamente suggestivo: dopo i primi km in discesa per mezzo di "scalini" accuratamente sistemati, si prosegue lungo il torrente che, qua e là, forma freschissime e limpide polle d'acqua, invitanti per il turista accaldato ma nelle quali è rigorosamente vietato bagnarsi.
Gole di Samaria
Gole di Samaria

Proseguendo si raggiunge una radura di pini e cipressi dove sorge la piccola chiesetta di Aghios Nikolaos oltrepassata la quale il sentiero diventa meno ripido mentre le gole progressivamente si restringono. Oltrepassato il villaggio abbandonato di Samaria si cammina ancora a lungo sul sentiero che scavalca più volte il torrente fino ad arrivare alle Sideroportes (Porte di ferro), il punto più stretto della gola con una larghezza di 3 metri a livello del torrente e pareti che si innalzano a 500 metri sopra di voi. All'uscita dalle Sideroportes le gole si aprono e il sentiero diventa via via più pianeggiante finchè non giungerete all'uscita delle Gole. Altri 3 km circa e sarete arrivati al mare. Qui, al villaggio di Aghia Roumeli, si prende il traghetto che porta a Sfakia (5,40 euro) dove sarà ad attendervi il pullman che in poco più di 1 ora vi riporterà a Chanià. (Chi non volesse fare tutto il percorso delle Gole può optare per la "via breve": dal villaggio di Aghia Roumeli è infatti possibile risalire le Gole fino alle Sideroportes e poi tornare indietro).

Quinto giorno:

Chanià - Falasarna (60 km circa)

Dopo la sfacchinata alle Gole di Samaria, cosa c'è di meglio che riposare le stanche membra su qualche bella spiaggia? La spiaggia di Falasarna in realtà è bellissima: un'ampia spiaggia sabbiosa ricca di calette che si affiacciano su un acqua limpidissima che trascolora dal verde all'azzurro intenso. Se andata nei mesi di minor affollamento turistico vedrete che sarete davvero in pochi a godere di questa bellezza. Nei dintorni ci sono solo alcune pensioni; a due passi dalla spiaggia c'è il Family Hotel Adam (a partire da 30 euro la camera doppia) dove potete anche fermarvi a mangiare una buona cucina casalinga (10-12 euro a persona circa).

Sesto giorno:

Falasarna - Balos - Falasarna (20 km circa)

Falasarna è un ottimo punto di partenza anche per andare a vedere una delle spiaggia più meravigliose di Creta: quella di Balos con la sua stupefacente laguna. Dal porto di Falasarna partono ogni mattina alle 10 barche che propongono, al costo di 18 euro a persona, una gita sia a Balos che a Gramvousa, dove si trova una fortezza veneziana costruita su un roccione. In alternativa, Balos si può raggiungere anche con l'auto risalendo da Falasarna a Kaliviani, raggiungendo il Balos Beach Hotel e da lì imboccando un sentiero sterrato tagliato sul fianco della montagna da percorrere a passo d'uomo e con la dovuta prudenza. Sono circa 7 km difficili prima di lasciare la macchina davanti a un piccolo bar e continuare a piedi per circa un altro kilometro e mezzo. Ma ne vale davvero la pena perchè quello che vedrete vi lascerà senza parole!

Settimo giorno:

Falasarna - Moni Hrissoskalitissas - Elafonissi (km80 circa)
A Falasarna la sabbia è...rosa
A Falasarna la sabbia è...rosa

Di paradiso in paradiso, manca solo Elafonissi... Da Falassarna la strada si inerpica tortuosa lungo i fianchi della montagna addentrandosi verso caratteristici paesini dell'interno spesso costituiti solo da 2-3 case. Dopo circa 1 ora si giunge in vista del Moni Hrisssoskalitissas che, tradotto, significa Monastero della scala d'oro in quanto si ritiene che la sua scala, o un gradino di essa, sia d'oro, ma visibile ovviamente solo a chi è senza peccati. Il monastero, che ricorda le costruzioni cicladiche in bianco e blu, è situato in splendida posizione su un promontorio roccioso che si affaccia su un mare blu intenso.

Da qui, solo 1 km separa l'ormai accaldato viaggiatore dalla meravigliosa laguna di Elafonissi, dalle acque limpidissime che si infrangono su una spiaggia che ha davvero il colore rosa della cipria. Il nostro consiglio è di arrivare presto la mattina e di andarsene via tardi la sera, in quanto nelle ore centrali della giornata purtroppo la spiaggia viene invasa da numerosi turisti che la raggiungono con le apposite escursioni che partono da Chanià o addirittura da Rethmnon. Questo affollamento ha apportato anche alcuni visibilissimi guasti in quanto turisti maleducati non si fanno scrupolo di imbrattare questo angolo di paradiso con i resti dei loro pic-nic nonostante ci siano appositi bidoni dove gettare il tutto. Quindi, per piacere, non imitateli...

Ottavo giorno:

Elafonissi - Iraklion

E' naturale che, di fronte a spiagge così belle come quelle summenzionate e alle altre più piccole e meno conosciute che potrete trovare in questo angolo di Creta meno battuto dai grandi flussi turistici, se si hanno ancora giorni a disposizione se ne approffitterà per stendersi al sole e fare qualche ulteriore bagno. Noi ci fermiamo qui e, malinconicamente, iniziamo il viaggio di ritorno verso Iraklion (in tutto circa 4 ore di viaggio).

Alcuni indirizzi utili...

( * ) N.B. Per telefonare a questi numeri dall'Italia digitare:
0030 + 2 + prefisso senza lo zero + 0 + numero di telefono
per cui se il numero a Creta è 0842-28522, per chiamare dall'Italia bisognerà comporre:
0030 2 842 0 28522
Grazie a www.imondonauti.it
Guida a CRETA

Testo e foto a cura di Flavia Daneo
La spiaggia di Falasarna
La spiaggia di Falasarna

Creta affonda le sue radici nel mito: il ratto di Europa da parte di Zeus trasformato in toro, Minosse e il Minotauro metà toro e metà uomo, Arianna e il filo che permise a Teseo di uscire dal labirinto dopo aver ucciso il mostro, Dedalo, il mitico costruttore del labirinto e Icaro, suo figlio, che cadde in mare quando si avvicinò troppo al sole facendo così sciogliere le piume di cera che il padre aveva fabbricato...Al di là delle suggestioni mitiche, Creta è un'isola viva ed orgogliosa, gelosa interprete delle proprie tradizioni. La sua gente, semplice e gentile, ti fa sempre sentire un ospite gradito. Le sue spiagge, se ci si allontana appena un poco dai villaggi turistici e dalle località del turismo di massa, hanno acqua cristallina, colori caraibici e la capacità di creare suggestioni uniche...

State progettando una vacanza a Creta?
Qui troverete mappe dettagliate e decine di offerte di hotel a Creta di ogni categoria e prezzo. Pacchetti vacanze, villaggi e hotel a Creta a prezzi davvero speciali!
Prenota la tua vacanza su www.hotelexpert.it

IL PAESE

Creta in cifre

Capitale


Heraklion

Superficie


8336 kmq

Abitanti


540.054

Abitanti capitale


126.000 (294.000 nel distretto)

Religione


Greco-ortodossa, minoranze musulmane e cattoliche
Geografia e territorio
Mappa Grecia

Click per ingrandire

Quinta isola del Mediterraneo e la più grande tra le isole greche, Creta si estende in larghezza per 260 km. Montuosa all'interno, è attraversata da catene montuose (Lefka Ori, Monte Ida, Lassithi) parallele alla costa meridionale, scoscesa e dirupata, che si getta nel Mar Libico. Più dolce è il versante settentrionale, ricco di baie, su cui si sono sviluppate le principali città dell'isola che si affacciano tutte sul Mar di Creta.
Clima

Il clima è mediterraneo con inverni freddi sui monti dell'interno. Le precipitazioni sono irregolari, più abbondanti al nord che al sud dove, da marzo a dicembre, praticamente non piove. Particolarmente forti i venti. Al di là di ogni considerazione ricordate una cosa: le statistiche dicono che a Creta 300 giorni di sole all'anno sono assicurati!
Ora

Il turista italiano al suo arrivo a Creta deve spostare avanti il proprio orologio di 1 ora (quando in Italia sono le 12 in Grecia sono le 13). Quando in Italia è in vigore l’ora legale lo è anche a Creta.
Lingua

Lingua ufficiale di Creta è il greco moderno; molti anziani, contadini e pastori usano ancora il dialetto cretese che conserva termini provenienti sia dal greco antico che dal bizantino, veneziano, italiano e turco. Diffusa, specie tra gli addetti ai servizi turistici, la conoscenza dell'inglese, del tedesco e, spesso, anche dell'italiano.
Quando andare

Il periodo migliore per visitare Creta è la primavera e l'autunno: i siti archeologici non sono affollati di turisti, il caldo non è insopportabile, la vegetazione è rigogliosa e c'è l'opportunità di assistere alle feste religiose nel loro aspetto più autentico e tradizionale. A Creta il caldo dura più a lungo che nel resto della Grecia e sulla costa meridionale dell'isola si può fare il bagno da metà aprile a novembre. Da fine novembre all'inizio di aprile la maggior parte degli alberghi chiude, le corse di autobus e traghetti vengono drasticamente ridotte se non cancellate e l'isola sembra sprofondare in un lungo letargo.
Burocrazia e visti
Montagne a strapiombo sul mare verso Balos
Montagne a strapiombo sul mare verso Balos

Dal 1° gennaio 2000 i cittadini provenienti dall'area Schengen (ossia dagli Stati che fanno parte dell'Unione Europea) e quindi anche i cittadini italiani, non sono sottoposti a controlli sistematici al momento del loro ingresso in Grecia. Poiché però controlli individuali sono sempre possibili si consiglia di portare comunque con sé il passaporto o la carta d'identità validi; con questi documenti è consentito un soggiorno massimo di 3 mesi. Per i dipendenti statali italiani è sufficiente la tessera ministeriale rilasciata dal rispettivo Ministero mentre per i minorenni sprovvisti di documenti è sufficiente un certificato di nascita con foto autenticata dalla Questura.
Posta e telefono

Per telefonare dall’Italia a Creta bisogna comporre lo 0030 + 2 + prefisso della città senza lo zero + 0 + numero desiderato (per esempio per chiamare . Per telefonare da Creta in Italia bisogna comporre lo 0039 seguito dal numero dell’abbonato desiderato. E’ possibile telefonare a carico del destinatario da qualsiasi telefono al costo di uno scatto digitando lo 008003911; purtroppo spesso molti alberghi disattivano questo servizio dai telefoni in camera. I telefoni cellulari abilitati al sistema europeo GSM funzionano ovunque. Resta comunque più conveniente telefonare dai numerosi telefoni pubblici previo acquisto di carta telefonica in uno dei numerosissimi chioschi (peripteri), supermercati o negozi turistici. Per telefonare all'interno di Creta, è necessario anteporre lo 0 al prefisso delle varie località.
Elettricità

La corrente elettrica è a 220 volt, le prese sono del tipo standard europeo.
Moneta, carte di credito e cambio

Moneta ufficiale della Grecia è l'euro. Le banche sono aperte con orario 8-14 dal lunedì al venerdì; nelle isole più piccole l'ufficio postale svolge anche le funzioni di banca. Le carte di credito sono ormai accettate quasi ovunque, qualche difficoltà si potrà avere negli alberghi di categoria più bassa o nelle zone meno turistiche. Con le carte di credito si possono ottenere anche anticipi in contante presso gli sportelli automatici che sono in funzione 24 ore al giorno; abbastanza diffusi anche gli sportelli automatici per il cambio (Afems) che accettano banconote di quasi tutti i Paesi europei. Sportelli bancomat si trovano in tutte le grandi città, ma nei centri più piccoli sarà meglio avere con sè denaro contante perchè è probabile che non troviate nè sportelli bancomat nè banche.
Come arrivare

Non esistono voli di linea diretti tra l'Italia e Creta per cui l'unica possibilità è rappresentata da voli diretti plurigioralieri Milano o Roma-Atene da cui poi si prosegue per Iraklion. Il volo Milano-Atene dura circa 2.20 ore, mezz'ora in meno se si parte da Roma (www.alitalia.com; www.olympic-airways.it). Da Atene si prosegue con la Olympic Airways per Iraklion, Chanià, Sitia (50 min. circa), con Aegean Airlines (www.aegeanairlines.gr ) per Iraklion e Chanià. Da Pasqua a metà ottobre è possibile usufruire dei più comodi voli charter offerti da diverse agenzie di viaggio, che collegano diverse città italiane con Iraklion; non sempre è necessario acquistare l'intero pacchetto turistico, spesso è offerto il solo volo che si consiglia di prenotare per tempo.

Creta è collegata all'Italia da numerose linee di traghetti (centro prenotazioni www.aferry.to) che fanno scalo al Pireo e da lì raggiungono Iraklion, Chanià o Rethimnon. Le tariffe variano sensibilmente secondo il porto di imbarco (Trieste, Venezia, Ancona, Bari, Brindisi) e il periodo scelto (www.greekferries.gr). Collegamenti quotidiani anche tra il Pireo, Githio e Kalamata con Kastelli-Kissamos, Chanià, Iraklio, Réthimno, Sitia, Agios Nikolaos. Il viaggio dura circa 11-12 ore.

Per raggiungere Creta via terra (auto o pullman) e poi traghetto, si rimanda alla sezione Come arrivare della guida sulla Grecia.

Spostarsi

Creta non dispone di alcuna linea ferroviaria; in compenso vi sono regolari servizi di pullman (www.ktel.org) che collegano i vari capoluoghi ai paesi più sperduti. Viaggiare in autobus è abbastanza economico, gli orari sono rispettati e i mezzi comodi. Frequenti corse collegano tutte le principali città della costa settentrionale mentre meno frequenti sono i collegamenti nord-sud e quelli con i villaggi dell'interno. Indicativamente considerate necessarie 2 ore e 30 min. di viaggio per raggiungere Chanià da Iraklio, 1 ora e 30 min. per Agios Nikolaos, 90 min. per Rethimno.
La splendida laguna di Elafonissi
La splendida laguna di Elafonissi

Il mezzo migliore per girare l'isola resta l'automobile. E' comodo ma non necessario noleggiare l'auto dall'Italia. Numerosi negozi di autonoleggio si trovano soprattutto ad Iraklion (odos Martiron 25 Avgousou) e offrono varie tipologie di mezzi a prezzi convenienti se si ha tempo e pazienza di contrattare un po' (prezzi a partire da 112 euro x 7 gg.; www.interkriti.gr). Sono sufficienti patente italiana rilasciata da almeno 1 anno, 21 anni di età e carta di credito come cauzione; la benzina costa 1,018-1,155 euro al litro. La rete stradale cretese è buona: le città principali della costa settentrionale sono collegate da una nuova strada a scorrimento veloce (nea etniki odòs) mentre più tortuose sono le strade dell'entroterra e della parte occidentale e meridionale dell'isola. Per raggiungere alcuni monasteri e alcune spiagge più isolate è necessario percorrere strade sterrate talvolta scavate sulle pendici di una montagna, senza guardarail e senza illuminazione notturna; attenzione a pecore e capre che possono invadere improvvisamente la carreggiata. Nelle città la circolazione è piuttosto caotica e sembra non esistano regole per il sorpasso e il posteggio degli autoveicoli. La segnaletica è spesso carente, con indicazioni talvolta in un solo senso di marcia mentre non è raro che i nomi delle località siano scritti solo in greco. E' possibile anche noleggiare motociclette di qualsiasi cilindrata presso le numerose agenzie presenti nelle varie località turistiche; le tariffe per il noleggio di motorini 50 cc variano dai 10 ai 17 euro. E' sempre consigliabile verificare lo stato del mezzo prima di partire, soprattutto se noleggiato nelle zone più turistiche ed affollate.

Non vi sono strade tra Paleohora e Horà Sfakion, nel versante meridionale, e le due località sono collegate plurigiornalmente da un traghetto che fa alcune soste intermedie. Coloro che amano camminare troveranno a Creta diversi itinerari da percorrere rigorosamente a piedi (www.wildnature.gr).
Dormire

Trovare alloggio a Creta generalmente non è un problema a patto di evitare le zone di maggior afflusso turistico e l'altissima stagione. Vi sono possibilità di alloggio per tutte le tasche: dagli hotel e villaggi di lusso alle confortevoli pensioni (www.greekhotel.com), dagli appartamenti in affitto alle domatia (camere presso privati; www.greek-hospitality.gr; www.hellenic-philoxenis.gr) , dagli ostelli ai campeggi organizzati (www.compulink.gr/campingrece). In linea di massima una camera doppia in hotel di lusso costa a partire da 150-180 euro per arrivare facilmente anche a 300, in un hotel di media categoria 90-150 euro, in un hotel economico a partire da 60 euro. Molto più convenienti le camere affittate presso una casa privata il cui costo varia dai 20 ai 50 euro a seconda della sistemazione, generalmente buona. Il campeggio libero è vietato, ma dormire in spiaggia dentro un sacco a pelo è fattibile. Ci sono campeggi riconosciuti dall'EOT il cui costo è di circa 2-4 euro a tenda e 3,50-5 euro a persona. Un letto in dormitorio in un ostello costa invece a partire da circa 8 euro a persona.
apri <
Trova qui la tua sistemazione piú conveniente:
Dove volete dormire?
Arrivo

Partenza

Chiudi
Sanità

Creta non presenta particolari rischi sanitari. I cittadini italiani hanno diritto all'assistenza gratuita negli ospedali presentando il tesserino sanitario italiano. La preparazione dei medici è di buon livello e non è raro trovarne alcuni che parlano l'italiano ma, a meno che non sia strettamente necessario, è meglio non farsi ricoverare nelle strutture ospedaliere pubbliche greche, sovraffollate e in condizioni igieniche non sempre eccellenti. Le farmacie sono generalmente molto ben fornite e possono vendere senza problemi medicinali che in Italia richiederebbero la ricetta medica; anche qui si possono trovare farmacisti che parlano italiano avendo studiato in Italia. Le farmacie sono aperte dalle 8 alle 14.30 il lunedì e mercoledì, dalle 8 alle 14 e dalle 17.30 alle 20.30 il giovedì e venerdì, chiuse il sabato, la domenica e i festivi a turno; l'orario viene prolungato nelle località turistiche.
Indirizzi utili

Indirizzi utili burocrazia

Ambasciata di Grecia


Via Mercadante 36, Roma, tel. 068537551, 068416505; fax: 068415927; www.greekembassy.it

Consolato Generale di Grecia


Via Turati 6, Milano, tel. 02-653775, fax 02-29000833

Consolato di Grecia


Via Mongrado 5, Torino, tel. e fax 011-8395204

Consolato di Grecia


Via Rossini 6, Trieste, tel. 040-363834, fax 040-363822

Consolato di Grecia


S. Polo 720, Venezia, tel. 041-5237260

Consolato di Grecia


Via Cavour 38, Firenze, tel. 055-2381482

Consolato di Grecia


Piazza Borgo Pila 40, Genova, tel. 010-580590

Consolato di Grecia


Via Stoppani 10, Roma, tel. 06-8082030, fax 06-8081114

Consolato di Grecia


Viale Gramsci 5, Napoli, tel. 081-7611243, fax 081-7611075

Consolato di Grecia


Via Amendola 172/C, Bari, tel. e fax 080-5468049

Consolato di Grecia


Via Noto 34, Palermo, tel. 091-6259541

Consolato generale di Grecia


Meandrou odos 19, Atene, tel. 10-7239045

Vice-Consolato d’Italia in Grecia


odos Sekeri 2, Atene, tel. 210-3617260, 210-3617263, 210- 3617273, 210-3617274, 210-3617275; www.ambatene.esteri.it/Ambasciata_Atene

Agenzia consolare d'Italia


odos Tzanakaki 70, Chanià, tel. 082-127316, 082-127315

Indirizzi utili turismo e cultura

Ente nazionale ellenico per il turismo


Via Bissolati 78, Roma, tel. 06-4744301, 06-4744249

Ente nazionale ellenico per il turismo


Piazza Diaz 1, Milano, tel. 02-860470, 02-860477 www.ente-turismoellenico.com

Ufficio del Turismo


Platia Papalexandrou 16, Iraklio, tel. 281-0246126

Automobile e Touring Club


395 Messogion Odos, Agia Paraskevi 153, Atene, tel. 10-6068800

Ricerca e prenotazione alberghiera in Grecia


www.allhotels.gr ; www.greekhotel.com; www.greekhospitality.gr

Ostelli per la gioventù


Vironos 5, Iraklion, tel. 281-0286281

Campeggi organizzati


www.compulink.gr/campingrece

Compagnie di navigazione


Minoan Lines: www.minoan.gr

Anek Lines: www.anek.gr

Superfast Ferries: www.superfast.com

Hellenic Mediterranean Lines: www.hml.gr

Strintzis Lines:www.strintzis.gr

Ventouris Ferries: www.ferries.gr/ventouris

Capitaneria di porto


Iraklion, tel. 281-0244956

Informazioni sui numeri telefonici nazionali


tel. 131

Autobus


tel. 185

Corriere


tel. 142

Indirizzi utili sanità e sicurezza

Ambulanza


tel. 166

Ospedali


tel. 106

Vnizelio (strada per Cnosso), tel. 281-0237502

Pronto soccorso


tel. 150

Guardia medica


tel. 105

Telesoccorso medico


tel. 210-6801555

Farmacie


tel. 107

Polizia


tel. 100

Iraklion, tel. 281-0288241

Polizia turistica


tel. 171 (aperta 24 h su 24 con personale parlante inglese)

Iraklion, tel. 281-0283190

Soccorso stradale


tel. 104, 154, 157